Come registrare una fattura intracomunitaria (UE)



La registrazione in contabilità di una fattura di acquisto di un fornitore appartenente all’Unione Europea segue una particolare procedura: infatti in tali fatture estere non è presente l’IVA ed esse vanno inoltre annotate sia sul registro IVA acquisti che sul registro IVA vendite (solitamente con un protocollo diverso rispetto alle normali fatture). Vediamo come gestire le fatture di acquisto UE in ad hoc Revolution.

Configurazione dei codici IVA

Innanzitutto è necessario verificare che sia presente un codice IVA apposito per la gestione delle fatture intracomunitarie: in particolare deve essere presente un codice IVA intracomunitario per ciascun codice IVA utilizzato. Se ad esempio riceviamo una fattura UE i cui articoli e/o servizi hanno un aliquota IVA del 10% e del 21%, dovremo creare due codici IVA UE, uno per il 10% e l’altro per il 21%.

Possiamo verificare e/o creare i codici IVA necessari dal menu Archivi –> Contabili –> Codici IVA. Nell’immagine successiva è possibile vedere un esempio di codice IVA 21% intracomunitario. Consigliamo comunque di verificare insieme al proprio consulente la relativa configurazione, in particolare per quanto riguarda la gestione della dichiarazione IVA periodica e di quella annuale.

Codice IVA
Codice IVA

Configurazione della causale contabile

Vediamo ora la come configurare la causale contabile che utilizzeremo per registrare in primanota la nostra fattura intracomunitaria. Come premesso, la registrazione dovrà movimentare sia il registro IVA acquisti che il registro IVA vendite; inoltre dovremo far capire al programma che si tratta di una fattura UE ed utilizzare un protocollo separato da quello delle normali fattura di acquisto.

Per verificare e/o creare un’apposita causale contabile accediamo al menu Contabilità –> Archivi contabilità –> Causali contabili.

Causale contabile - Generale
Causale contabile – Generale

Come possiamo vedere nell’immagine precedente, la causale nella scheda Generale va configurata come una normale causale di ricevimento fattura, andando però a specificare il tipo documento (“Fattura UE”) e la serie documento (cioè il protocollo, nel nostro esempio impostato a “UE”).

Causale contabile - Dettagli
Causale contabile – Dettagli

Nella scheda Dettagli potremo invece andare a configurare gli automatismi sia a livello di righe IVA che a livello di righe contabili. A livello IVA andremo quindi a movimentare sia il registro IVA acquisti che il registro IVA vendite, indicando chiaramente l’utilizzo del codice IVA intracomunitario creato precedentemente. A livello contabile, allo stesso modo, andremo a movimentare sia l’IVA acquisti che l’IVA vendita prima in dare e poi in avere in modo da poter quadrare la registrazione di primanota.

 

Configurazione del fornitore Intra

Anche sul fornitore va fatta una configurazione in modo da comunicare a ad hoc Revolution che si tratta di un fornitore dell’Unione Europea. Accediamo quindi all’anagrafica dei fornitori dal menu Archivi –> Contabili –-> Fornitori e richiamiamo o carichiamo il nostro fornitore intracomunitario.

Anagrafica Fornitore
Anagrafica Fornitore

Nella scheda “Anagrafici” andrà inserita la nazione di appartenenza opportunamente configurata e la partita IVA estera. Per quanto riguarda la nazione va verificato che siano stati correttamente inseriti i dati relativi al codice ISO in modo che il programma possa calcolare la partita IVA estera: per modificare i dati relativi alla nazione è sufficiente fare clic con il tasto destro sul campo e scegliere l’opzione Modifica.

Anagrafica nazione
Anagrafica nazione

Tornando all’anagrafica del fornitore, spostiamoci all’interno della scheda Contabili.

Anagrafica Fornitore
Anagrafica Fornitore

Qui va attivata l’apposita opzione “Fornitore INTRA” in modo che ad hoc Revolution possa riconoscere correttamente il fornitore intracomunitario. Eventualmente è possibile anche specificare particolari conti per la contabilizzazione (Mastro contabile e Categoria contabile), ma non è obbligatorio.

 

Registrazione in primanota della fattura UE

Una volta fatte tutte queste configurazioni preliminari, potremo andare a registrare in primanota la nostra fattura intracomunitaria. Accediamo quindi al menu Contabilità –> Primanota e immaginiamo di voler registrare una fattura del nostro fornitore tedesco “Handel Gmbh” di € 100,00.

Primanota
Primanota

Avendo precedentemente caricato nella causale contabile il relativo automatismo, ad hoc Revolution compilerà autonomamente gran parte della registrazione contabile occupandosi di tutti i relativi calcoli. Vediamo in particolare alcuni campi:

  • nel campo Causale andrà inserita la causale contabile precedentemente creata per la gestione delle fatture UE
  • il numero di protocollo verrà automaticamente adattato in base alle impostazioni della causale contabile (nel nostro esempio “UE”)
  • il fornitore dovrà avere attivata l’opzione “Fornitore Intra”
  • una volta inserito il totale della fattura UE all’interno del campo “Importo” il programma calcolerà automaticamente sia la primanota IVA (movimentando quindi entrambi i registri IVA, acquisti e vendite), sia la primanota contabile

Chiaramente potremo sempre andare ad intervenire sulla registrazione apportando eventuali modifiche (ad esempio per cambiare la contropartita, la modalità di pagamento ecc.).

A questo punto, confermando la registrazione, avremo terminato l’inserimento della nostra fattura intracomunitaria. Andando a stampare la liquidazione IVA del periodo, vedremo come la registrazione sia stata correttamente inserita sia sul registro IVA acquisti che su quello vendite.

Stampa liquidazione IVA
Stampa liquidazione IVA
Hai domande o dubbi su questo articolo?
Parliamone sul Forum di AHR Tips&Tricks!

Licenza Creative Commons
Articolo di AHR Tips&Tricks distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

"ad hoc Revolution" è un software di Zucchetti Spa che ne detiene tutti i relativi diritti.

AHR Tips&Tricks è un blog indipendente non collegato a Zucchetti Spa.


Se questo articolo ti è stato utile, aiutaci a scriverne altri ed a tenere in vita il sito con una piccola donazione tramite PayPal: anche pochi Euro sono importanti! Grazie!


Un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *